Ott 15, 2007 - Articoli fitness    No Comments

Gli esercizi da fare in ufficio

Il consiglio della settimana: gli esercizi da fare in ufficio :

Anche chi è al lavoro ed è costretto a trascorrere molte ore seduto dovrebbe dedicare almeno qualche minuto all’attività fisica. Stare seduti, costringe il nostro corpo ad assumere una posizione innaturale ed a farne le spese è la muscolatura della colonna vertebrale:

PER IL COLLO: seduti sulla sedia, gambe e piedi uniti. Schiena diritta ma non inarcata. Braccia distese lungo i fianchi, spalle abbassate, collo allungato verso il soffitto, mento retratto.
Espirando dalla bocca, ruotare il capo lentamente verso destra e verso sinistra, avvicinando il mento alla spalla. Mantenere per 20 secondi e ritorno.

PER LE SPALLE: seduti sulla sedia, gambe e piedi untiti. Schiena diritta ma non inarcata, mento retratto e spalle rilassate.
Incrociate le braccia, davanti al petto, palmo delle mano a contatto con le spalle. Prendete aria dal naso espirando dalla bocca, spingere dolcemente le spalle verso il basso, collo allungato.

PER LA SCHIENA : seduti, schiena in linea ma non inarcata. Gambe divaricate alla larghezza delle spalle. Espirando flettersi in avanti e verso il basso; cercando di mantenere il collo bel allungato, mettere le braccia ll’interno delle cosce. Mantenere la posizione per 20 secondi e ritorno. Ripetere 3 o 4 volte.

e:

Seduto sulla sedia; alzare le mani verso il soffitto e allungarsi verso di esso fino a raggiungere la posizione di massimo allungamento.
Mantenere questa posizione per almeno 40 secondi continuando a tirare leggermente verso l’alto.
Ripetere questo esercizio alcune volte per aumentarne gli effetti benefici.

Se desideri ricevere un approfondimento su questo argomento, con delle schede preparate su misura per te per l’ufficio, scrivi a  bondanini@katamail.com   ed al prezzo di soli 15 euro ti arriverà comodamente sulla tua e-mail tutto il programma.

Gli esercizi da fare in ufficioultima modifica: 2007-10-15T15:10:00+00:00da bonda83
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento